Mini Habit: consigli su come creare abitudini sane

di Gabriele Tagliavia

 

Gran parte della nostra vita si svolge secondo le abitudini che negli anni abbiamo appreso tramite l’esperienza e l’esempio.

L’essere umano, per sua natura, desidera una routine proprio perché risulta vantaggiosa in molte situazioni: ci permette di impiegare meno energie mentali per svolgere attività fondamentali che si ripetono giorno dopo giorno.

Però, nel tempo, si possono instaurare anche abitudini dannose per noi che, a causa dell’insoddisfazione che ci provocano ad un certo punto della nostra esistenza, vorremmo rimuovere.

Cosi come potremmo desiderare di introdurne di nuove, più salutari per noi stessi (come la meditazione Mindfulness).

E come fare a modificare le nostre abitudini che spesso mettono radici profonde nella nostra quotidianità?

 

Ci viene in aiuto un piccolo testo che potrete trovare in vendita su Amazon dal titolo "Mini Habit: How Simple Habit Stacking Will Trasform Your Life Into Greatness" (Mini abitudini: come aderire a nuove semplici abitudini trasformerà la vostra vita in meglio) di Brian Ledger.

 

Sebbene il libro sia costituito da poche pagine (appena 25), al suo interno potrete trovare diversi consigli su come introdurre nella vostra vita nuove sane abitudini e rimuovere quelle dannose che ormai si sono strutturate nella vostra routine.

Vi farò di seguito un riassunto esaustivo, utile a capire e conoscere come sfruttare la tecnica delle Mini Habit per cambiare con maggior successo le vostre buone e cattive abitudini.

      

Introduzione

Ogni giorno svolgiamo attività che, per la loro natura ripetitiva, possiamo definire Abitudini.

Lavare i denti, fare colazione, comprare il pane o controllare le email sono tutti esempi di consuetudini che costituiscono la nostra routine. 

Molte di esse le riconosciamo come vantaggiose, altre, invece, sappiamo essere dannose per noi: questi solitamente li chiamiamo Vizi.
Ovviamente ognuno di noi desidera abitudini più sane e meno nocive ma, per quanto possa essere forte la nostra motivazione, non sempre riusciamo nel nostro intento.
E’ complesso spiegare i motivi di questa nostra tendenza, è evidente però che l’essere umano difficilmente tollera i cambiamenti tentando di ritornare sempre alle abitudini già consolidate.
Come fare allora ad introdurre nuove sane abitudini nella vita di tutti i giorni?

Nuove abitudini

Per adottare nuove abitudini Brian Ledger ci suggerisce di usare la tecnica delle Mini Habit (mini abitudini).

Tale tecnica consiste nello scegliere un’attività che occuperà pochi minuti del nostro tempo e, successivamente, “legarla” ad un’attività che già abitualmente svolgiamo.

È molto importante scegliere una mini habit che ci risulti semplice e naturale, della durata di pochi minuti, e verso cui ci sentiamo abbastanza motivati.

In secondo luogo possiamo prendere una delle nostre solite abitudini e collegarle tra loro.

Con il prossimo esempio vi spiego come fare...

 

Immaginiamo di voler introdurre 5 minuti di meditazione nella nostra routine.
Quindi possiamo svolgere questa nuova attività PRIMA, DURANTE o DOPO qualche altra che già svolgiamo ogni giorno.
Potremo per esempio:
  • Meditare 5 minuti PRIMA di pranzo,
  • Meditare 5 minuti DURANTE la colazione o
  • Meditare 5 minuti DOPO esserci alzati dal letto.
In questo modo la nuova abitudine non verrà avvertita come estranea e piano piano, rispettando i nostri tempi, entrerà a far parte della nostra routine.
E come facciamo con i vizi allora?

Cattive abitudini

Avere a che fare con le nostre cattive abitudini è sicuramente più arduo, nei confronti di esse spesso sviluppiamo una vera e propria dipendenza.

Proprio per tale motivo, quando lavoriamo con i nostri vizi, è necessario munirsi di tanta pazienza e compassione nei confronti di noi stessi.

Ci vuole calma e il giusto tempo.

Secondo la tecnica delle Mini Habit per rimuovere una cattiva abitudine dovremmo pian piano sostituirla con una più sana e, quindi, impegnarci in una nuova abitudine proprio quando vorremmo dar sfogo ai nostri vizi peggiori.

Alcuni esempi:

  • Quando vai a lavoro puoi posteggiare la macchina a 5 minuti di distanza e percorrere l'ultimo tratto a piedi INVECE di posteggiare vicino l'ingresso;
  • Puoi provare a scrivere i tuoi sentimenti su un diario PIUTTOSTO che scriverli su Facebook;
  • Puoi impegnarti a guardare il paesaggio quando sei in bus PIUTTOSTO che concentrarti sul tuo smartphone.
  • etc...

Sinceramente ritengo sia più facile a dirsi che a farsi!!!

 

Sebbene sia un valido consiglio e può essere realmente utile in certe occasioni, penso possa essere una buona soluzione solo per le abitudini più semplici.

Se invece riconosci di essere rimasto incastrato in dipendenze molto serie e realmente pericolose ti esorto a chiedere aiuto. Non sei il primo a cadere in queste trappole ed è necessario considerare la possibilità di un aiuto professionale. Ci vuole molto coraggio ma è sempre la soluzione migliore.

 

Capire quando è il momento di cambiare

Ti sei mai soffermato a pensare a quante piccole azioni svogliamo durante il giorno? Il più delle volte i nostri gesti sono privi di consapevolezza e si susseguono in maniera inconscia e automatica.

In pochi si soffermano veramente sulla qualità delle proprie abitudini e della propria vita.

E allora come possiamo renderci conto che la nostra routine ha bisogno di essere revisionata?

Come fai a capire che quello che c'è nella tua vita non è più abbastanza per te?

Perché, in fondo, cambiare le proprie abitudini vuol dire cambiare se stessi, ciò che facciamo determina anche in buona parte ciò che siamo.

Ledger individua tre elementi capaci di fornirci sufficiente motivazione per generare il cambiamento.

Siamo spinti a cambiare quando:

  1. Non ci sentiamo sufficientemente creativi
  2. Non ci sentiamo più soddisfatti e felici
  3. Non apprezziamo più la vita

Quando sperimentiamo questi sentimenti e avvertiamo questi pensieri, se siamo sufficientemente forti, la nostra risposta è: Cambiamento!!

Siamo quindi pronti a spendere le nostre energie per modificare le nostre abitudini.

 

Il primo passo, come anticipato, è scegliere la giusta Mini Habit.

Nel libro sono presenti diversi esempi che vi riporto:

  • Svegliarsi presto al mattino anche quando non necessario
  • Ridere di più
  • Usare il filo interdentale
  • Bere più acqua
  • Meditare regolarmente
  • Stare al sole un po' ogni giorno (se possibile)
  • Essere grati
  • Fare complimenti, senza una ragione specifica
  • Vestire abiti colorati
  • Avere un mantra
  • Salutare gli sconosciuti per strada
  • Fare attività fisica
  • etc...

Sono abitudini che effettivamente richiedono poco tempo per essere svolte ma, se lo desiderate, potere dedicare tutto il tempo che volete.

Il consiglio, comunque, è quello di iniziare con pochi minuti senza sconvolgere la vostra vita, sarà più facile che la nuova abitudine aderisca alla routine che già svolgete.

Il passo successivo consiste in scrivere due liste: la prima include le nuove abitudini che volete iniziare ad adottare, la seconda quelle di cui vi volete sbarazzare.

Quindi mettete le due liste a confronto e iniziate ad abbinare i vari elementi della vostra lista secondo i criteri di cui abbiamo già parlato e il gioco è fatto.

Spetta a voi adesso sperimentare gli abbinamenti migliori cercando di realizzare nuove abitudini che, adesso, sarete sicuramente capaci di rispettare.

 

Conclusioni

Seppure con alcune limitazioni ed eccezioni il testo contiene suggerimenti veramente utili che val la pena di sperimentare.

L'ultimo consiglio che sento di darvi è questo: non chiedete troppo a voi stessi e rispettate i vostri tempi!!

Non è detto che questa tecnica per voi vada bene, così come potrebbe volerci tempo e determinazione per ottenere dei risultati.

Se non doveste riuscire a cambiare le vostre abitudini, o dovesse essere troppo difficile per voi, fate un passo indietro e pensate che: va bene così. Una volta accettata la vostra situazione, la vostra vita e la vostra realtà sarete pronti a ricominciare.

 

Grazie per aver letto questo articolo!!!

Se sei interessato ad argomenti come la salute mentale, mindfulness o minimalismo iscriviti alla Mailing list del sito da qui e supportami condividendo sui social i post che ti sono piaciuti di più.

Inoltre, se vuoi iniziare un percorso di meditazione consapevole e vuoi sapere prima di cosa si tratta, vai alla sezione download e potrai provare le prime meditazioni guidate con la possibilità di svolgere le prime pratiche direttamente a casa tua.

Grazie ancora e a presto,
Gabriele


Ti potrebbero interessare

Scrivi commento

Commenti: 0